Autori: Mino Milani

Mino Milani (Pavia, 1928)

Stelio Martelli, Piero Selva ed Eugenio Ventura. Sono gli pseudonimi dietro i quali si nasconde uno dei più prolifici ed eclettici autori italiani: Guglielmo “Mino” Milani. Laureato in Lettere Moderne nel 1950, lavora fino al 1964 presso la Biblioteca Civica di Pavia, della quale diviene direttore. Autentico autore multimediale, scrive sceneggiature per i fumetti, romanzi (due dei quali vengono portati al cinema e in televisione, rispettivamente da Dino Risi e Carlo Lizzani), testi per ragazzi e saggi storici senza perdere mai la capacità di ammaliare il lettore.

Per certi versi si può dire che il “Corriere dei Ragazzi” è Mino Milani, che vi compare sotto i suoi svariati pseudonimi pubblicando articoli, racconti illustrati e soprattutto fumetti. A disegnarli sono alcune fra le più importanti firme del panorama fumettistico italiano: Milo Manara, Mario Uggeri, Aldo Di Gennaro, Sergio Toppi, Dino Battaglia, Attilio Micheluzzi, Guido Buzzelli e altri ancora. Nei cinque anni di vita del nuovo settimanale, Milani scrive decine di storie e personaggi rimasti memorabili, come Il Maestro o La Donna Eterna (dai romanzi di H.R. Haggard). La passione per il giornalismo e una visione moderna della narrazione per immagini sono la cifra distintiva di Milani, che dà vita anche a serie come Dal nostro inviato nel tempo, testimonianza della sua passione per la storia, e I grandi nel giallo.

Per la sua opera in ambito fumettistico, nel corso del 7° Salone Internazionale dei Comics di Lucca (1971) Milani riceve il premio Yellow Kid come Migliore Sceneggiatore Italiano e nel 2009 il premio “Eroe del Fumetto” a Cartoomics, per un autore che ha affrontato il proprio lavoro senza avere paura di essere etichettato, perché “Habent sua fata libelli”, bisogna lasciare che ogni storia affronti il suo destino.

Annunci

Storie: Il Maestro (1974)

Testi: Mino Milani – Disegni: Aldo Di Gennaro e Giancarlo Alessandrini

Un uomo dai poteri al limite dell’umano, una affascinante poliziotta americana, una diabolica rivale e un misterioso amuleto dagli immensi poteri: ecco gli ingredienti della prima storia della serie fanta-esoterica, ambientata a Los Angeles e incentrata sul misterioso Maestro, affiancato dalla bionda tenente Velda Morris, e dalla inseparabile gatta siamese Nardy, per impedire alla Dr.ssa Jaga, anch’essa appassionata di arti esoteriche, di impadronirsi dei segreti del potentissimo Scarabeo di Ara Tutna, nell’eterna lotta fra il Bene e il Male. Una lotta che all’inizio, pare volgere a vantaggio di Jaga, con Maximus, il nome esoterico del Maestro, che fatica a contrastarla.

“Corriere dei Ragazzi” Internazionale: Spagna

La sombra, di Castelli e Tacconi

Dai tardi anni ’70 il settimanale Gaceta Junior edito da Unisa-Universo Infantil aveva cominciato a pubblicare con apprezzabile qualità storie del Corriere dei Piccoli scritte dall’infaticabile Mino Milani: tra queste l’“La Isla del tesoro” disegnata Hugo Pratt, il “Cuento de Navidad” (“Canto di Natale in prosa”) disegnato da Iris De Paoli, “Brazo de Ierro” (“Fortebraccio”) disegnato da Di Gennaro, “El Doctor Ox”, disegnato da  Grazia Nidasio, insieme a racconti senza personaggi fissi di Battaglia Di Gennaro (tra cui la memorabile “Besta de Gevaudan”), Toppi, Uggeri. Nel 1970 la pubblicazione si fuse brevemente con Tintin e chiuse; dopo un periodo di assenza, i personaggi del Corriere (ora “dei Ragazzi”) si trasferirono presso l’Editorial Bruguera. Fondata nel 1910 con il nome di “El Gato Negro”, nel bene e nel male (è la casa editrice de L’inverno del disegnatore di Paco Roca e del bel film inedito in Italia Valdez) la Bruguera ha garantito abbondanti letture a fumetti a varie generazioni di spagnoli; dopo un quasi fallimento nel 1982, fu rilevata dal Grupo Zeta e divenne in Ediciones B; un breve rilancio del marchio nel 2008 si concluse nel 2010 con la chiusura definitiva.

Il Maestro di Mino Milani e Aldo Di Gennaro

Le pubblicazioni a fumetti della casa editrice proponevano essenzialmente personaggi umoristici, come i famosi “Mortadelo y Filemon” di Jibanez. Erano distribuiti in un’enorme quantità di testate, supplementi e numeri speciali settimanali, mensili e di altre periodicità. La Bruguera pubblicò “La Sombra” (“L’Ombra”, in Super Pulgarcito, 1978) illustrata da Cubbino e soprattutto “Il Maestro” di Mino Milani, Aldo Di Gennaro e Giancarlo Alessandrini, che nelle pagine di Super Sacarino (1979) era stato evidentemente promosso ed era divenuto “El Profesor”. I soliti “Aristocratici” uscirono dal 1976 con il titolo “Los Aristocrates” in Super Mortadelo, Mortadelo Especial, Mortadelo Gigante; tra il 1980 e il 1983 ritornarono con il titolo “Los Gentlemen” in 5 album cartonati editi da Grijalbo.

Los Aristocratas, edizione spagnola degli Aristocratici di Castelli

Valentina Melaverde in edizione spagnola

Le opere pre-Corriere dei Ragazzi di Grazia Nidasio, un’autrice che in Spagna ha sempre goduto di grande popolarità, sono state tradotte con successo fin dagli anni ‘60, nella riviste Chio (“Violante”) e la già citata Gaceta Junior, e raccolte in volumi come Marta i els Gangsters (ancora “Violante”, in versione catalana). Bruguera ha pubblicato “Valentina Mela Verde” nelle riviste Lily, Gina e Esther, mantenendo lo stesso titolo ma cambiando i nomi di qualche personaggio, tra cui la sorellina Stefi, ribattezzata Lita. “Il Diario di Stefi”, spin-off di Valentina pubblicato dal Corriere dei Piccoli, uscì sempre con Bruguera in Zipi y Zape, quindi, con il nome Estevi, in Cavall Fort (catalano) e con il nome Nina in Pequeño Pais, supplemento a fumetti del quotidiano El Pais.

Nick Carter in Spagna

I racconti senza personaggi fissi delle varie serie del CdR ispirate alla storia, alla cronaca, allo sport (“Mino Milani inviato nel tempo”, “Fumetto verità, “Uomini Contro”, eccetera) costituirono uno dei pezzi forti delle riviste Blue Jeans (1977-80), Bumerang (1978-79) e in modo molto più limitato  Totem (1977-1986) delle Editorial Nueva Frontera. Blue Jeans e Bumerang erano pubblicazioni “di prestigio” per la maggior parte in bianco e nero; ospitavano fumetti di vari di generi (avventura, fantasy, western, erotico, umoristico) firmati dai ì grandi del fumetto mondiale, tra cui Hugo Pratt, Victor De La Fuente, Moebius, Hermann. Erano distribuite anche in Sud America, e fu grazie a esse che i lettori argentini fecero la conoscenza di autori come Sergio Toppi o Attilio Micheluzzi. Molte di queste storie furono raccolte nei volumi Hombres en Guerra e Soldados de la Suerte della Coleccion Piloto (Editora Valenciana, 1982).  Oltre ai racconti liberi, le due testate ospitarono anche qualche serie, tra cui “Nick Carter” di Bonvi e De Maria e “Esquadra Zenith” disegnata da Breccia, di cui riparleremo nella prossima puntata.

Johnny Focus di Attilio Micheluzzi, edizione spagnola

Sempre dal Corriere dei Ragazzi provenivano “Johnny Focus” di Attilio Micheluzzi, raccolto in Reportajes de Johnny Focus dall’Editora Valenciana (1982) e “Lupo Alberto”, pubblicato in albi da Ediciones B (1988), in due volumi da Norma Editorial (1999), e, dal 1991, nel supplemento domenicanale a colori Pequeño Pais.

La prossima puntata: Portogallo e l’intermezzo “Il metodo Eurostudio”

Alfredo Castelli

La versione spagnola di Lupo Alberto di Silver

Il Maestro diventa El Profesor

El feroz Lupo Alberto

Cuento de Noel di Iris De Paoli (dal Corriere dei Piccoli)

Autori: Dino Battaglia, Aldo Di Gennaro, Mario Uggeri

Galleria

Questa galleria contiene 6 immagini.

Dino Battaglia (Venezia, 1923 – Milano, 1983) Dopo aver collaborato per tutti gli anni Sessanta con il “Corriere dei Piccoli”, Battaglia segue il settimanale nella sua trasformazione in “Corriere dei Ragazzi” illustrando principalmente sceneggiature di Mino Milani. Memorabili, in particolare, … Continua a leggere

Benvenuti!

Copertina del primo numero del “Corriere dei Ragazzi”

In occasione del quarantesimo anniversario della sua comparsa in edicola, nell’ambito di Lucca Comics & Games, sabato 20 ottobre 2012 è stata inaugurata nel cortile di Palazzo Ducale, in Piazza Napoleone, una mostra storica che ripercore i cinque anni di vita di una rivista fondamentale per il fumetto italiano: il “Corriere dei Ragazzi“. A cura di chi scrive, con la collaborazione di Davide G. G. Caci, il percorso riassume la breve parabola editoriale della rivista, che parte nel 1972 per concludersi quattro anni più tardi, alla fine del 1976, quando cambia testata, pubblico e gran parte degli autori, entrando nella storia del fumetto di casa nostra. Ad accompagnare il visitatore nel percorso, una serie di “totem” che focalizzano l’attenzione su dodici grandi storie da I grandi nel Giallo a Gli Aristocratici, da Il maestro a La Donna Eterna…) e dodici grandi disegnatori (da Sergio Toppi a Dino Battaglia, da Giancarlo Alessandrini a Milo Manara…), nonché gli sceneggiatori principe della rivista, Mino Milani, Alfredo Castelli e così via. Senza dimenticare Silver e il suo Lupo Alberto e tanto altro ancora.

Questo blog segnerà una sorta di conto alla rovescia fino all’inizio di Lucca Comics & Games, il 1 novembre, presentando anticipazioni e immagini legate alle storie e agli autori presentati nella mostra, nonché commenti, piccole chicche inedite legate al “Corriere dei Ragazzi” uscite dagli archivi segreti di Martin Mys… ops, Alfredo Castelli per portare il lettore all’interno di quello che proprio Castelli giustamente ha definito “il settimanale irripetibile”.
Una sorta di percorso di avvicinamento per coloro che si ritroveranno a Lucca all’inizio di novembre – o anche prima, chissà – ma anche una piccola guida per chi voglia avvicinarsi a questa storica rivista e non possa seguire il percorso della mostra.
A gli uni e agli altri l’augurio di una “buona navigazione” nell’oceano della rete!

Pier Luigi Gaspa